www.advoxya-shop.com www.advoxya-records.com
News
Archiv
Releases
Bands
Press
Live
Newsletter
Downloads
Partners
Contact

INSTANS - Nuke Fight / Leading The Way
review by darkroom-magazine.it (in italian language)


Mentre si attende il successore di "Common Ground", solido debut album datato 2006, gli svedesi Instans rompono finalmente gli indugi con un EP che si spera possa preludere al sospirato nuovo full-length. Se quattro anni fa avevamo apprezzato l'EBM ferale, malvagia, tagliente, rocciosa, abrasiva, tipicamente 90s ed industrialoide di questo progetto nato in seno ai Severe Illusion (ne fanno infatti parte sia Fredrik Djurfeldt che Ulf Lundblad, insieme anche nell'altra 'costola' Vanvård, oltre che impegnati su altri fronti con Knös e Radiumhospitalet), nei due nuovi brani che danno il titolo al dischetto ritroviamo il duo alle prese con sonorità in linea col passato, ma ancor più oscure e velenose. "Leading The Way" è la potenziale hit destinata a far da opener, e funziona a dovere con la sua melodia infettiva, il groove giusto, le bassline muscolari, samples ben incastrati ed una voce ottima nel suo essere distorta e lacerante, visto che i temi trattati non sono certo leggeri. "Nuke Fight" è invece più minacciosa ed industrialoide, acida ed oscura, affilata e tesa, a riprova del fatto di come la band punti prima alla sostanza che non al dancefloor. Ciò che segue sono nove remix dei due brani, tutti sostanzialmente potabili e per lo più dance-oriented, e fra nomi noti come KIFOTH, Arzt + Pfusch, Mergel Kratzer e TWZ, al fianco di act meno conosciuti quali Boron Division e Dimensional Nightmare, a svettare sono i compagni d'etichetta The Pain Machinery, che rivedono "Nuke Fight" in maniera veramente estrosa rispetto alle altre performance. Nel finale il duo remixa in pratica sé stesso nelle vesti di Severe Illusion e Radiumhospitalet, entrambi alle prese con "Nuke Fight", rispettivamente in una buona chiave dance/industrial ed in una versione terribilmente tesa ed ossessiva. Un buon EP che servirà a placare la sete di coloro che attendono da tempo il nuovo album, almeno per un po'.

Roberto Alessandro Filippozzi









Copyright © by Advoxya-HUN All Right Reserved.

[ Go Back ]